Entrambi sono chiamati pietre nella prostata

Esami della Prostata

Trattamento dei metodi chirurgici prostatite

Calcoli renali Che cosa sono i calcoli renali? Sono dei entrambi sono chiamati pietre nella prostata solidi di materiale che si formano nel rene, a causa della presenza di alcune sostanze nelle urine. Si stima entrambi sono chiamati pietre nella prostata 10 persone sualmeno una volta nella loro vita, avranno un calcolo renale.

Di solito, le persone affette da calcoli renali hanno dei famigliari che hanno sofferto dello stesso disturbo. I sintomi comuni sono:. Esistono una serie di accorgimenti che possono ridurre la possibilità di avere calcoli renali:.

Le più piccole possono passare per le vie urinarie senza trattamenti medici. In questo caso, si raccomanda di bere molti liquidi. Possono essere inoltre prescritti dei farmaci per il dolore. Se sono le vie aeree ad essere esaminate, la procedura viene indicata come broncoscopia. In genere la procedura causa solo un lieve disagio, benché a volte venga utilizzato anche un anestetico locale.

Normalmente viene eseguita con il paziente in stato di coscienza, sebbene possano essere utilizzati dei sedativi per aiutarlo a rilassarsi. Talvolta vengono utilizzati antibiotici per ridurre il rischio di infezione. Il suo obiettivo è quello di frantumare i calcoli in piccoli pezzi. Al paziente viene chiesto di sdraiarsi su un lettino per esami sopra un cuscino, in posizione prona o supina, a seconda di dove si trovi il calcolo renale. È importante riposarsi per un paio di giorni dopo la procedura, evitando di guidare o di bere alcolici.

Il medico pianificherà una visita successiva di controllo per verificare che i frammenti dei calcoli renali siano usciti dal corpo.

Qualora ve ne fossero altri da rimuovere, potrebbe essere consigliato di ripetere la procedura. Esistono una serie di trattamenti alternativi per i calcoli renali che potrebbero risultare più adatti a seconda delle dimensioni e della posizione dei calcoli:. La diagnosi entrambi sono chiamati pietre nella prostata idronefrosi avviene mediante ecografia. In caso di idronefrosi con causa ostruttiva, verranno indicati ulteriori esami come la scintigrafia renale dinamica, che consente allo specialista di analizzare la funzionalità complessiva dei reni.

Se invece la patologia è causata da reflusso vescicoureterale, sarà necessario eseguire una cistografia minzionale. In caso di idronefrosi è necessario rivolgersi ad un esperto in Pediatria, Chirurgia Pediatrica, Nefrologia o Urologia. La litrotrissia laser è una tecnica chirurgica utilizzata per rimuovere i calcoli renali utilizzando dei tipi di onda: ultrasonica, elettroidraulica o shock.

Il laser ad olmio, in particolare, è tra le tecniche più avanzate e consente il trattamento di uretroscopia o endoscopia, utilizzando un fascio laser di energia termica che elimina il tessuto ostruttivo. Si tratta di una procedura minimamente invasiva che viene solitamente effettuata in anestesia entrambi sono chiamati pietre nella prostata o sedazione lieve per eliminare il dolore dell'intervento.

La litrotrissia laser entrambi sono chiamati pietre nella prostata utilizzata per frammentare tutti i tipi di calcoli renali, siano di cistina, ossalato di calcio monoidrato o brushite fosfato di calcio. Infatti, offre:. La litrotrissia laser è una tecnica minimamente invasiva. L'accesso alla calcolosi renale avviene attraverso una puntura nella pelle a livello lombare o attraverso l'uretra fino alla vescica o all'uretere, a seconda di dove si trova il calcolo.

Viene introdotto è un tubo a fibre ottiche con una punta rigida e flessibile, collegata ad una telecamera. Una volta individuati i calcoli, vengono frammentati con la pulsazione laser.

L'energia contenuta nel laser consente di agire in maniera rapida sul calcolo. Di conseguenza, dovrebbe essere collocato in via temporanea un catetere all'interno del tratto urinario. Anche se è leggermente fastidioso, è utile per svolgere la normale minzione. Si raccomanda sempre che entrambi sono chiamati pietre nella prostata paziente venga accompagnato, nonostante si tratti di intervento ambulatoriale, e che venga riaccompagnato a casa.

Tuttavia, è necessario bere molti liquidi nelle settimane successive: bicchieri al giorno, per contribuire a rimuovere i detriti. Un mese dopo la procedura, il paziente dovrà sottoporsi a un esame metabolico, con una valutazione dell'urina e del sangue per 24 ore, al fine di studiare i fattori che possono intervenire nella formazione dei calcoli. A questo viene aggiunto un esame chimico per analizzare i componenti esatti del calcolo.

Questa patologia è molto comune negli uomini oltre i 50 anni, e incide sulla qualità della loro vita. Il suo problema principale è che causa una sintomatologia molto fastidiosa e persino invalidante. In ogni caso, con la terapia giusta la prognosi della malattia è positiva, benché possa ricomparire con il passare del tempo. Gli specialisti consigliano controlli annuali alla prostata dopo i 50 anni, età a partire dalla quale sussiste un rischio di ingrossamento della prostata.

Nei casi più gravi, sarà necessario il ricorso alla chirurgia. Il Dott. Paolo Piana è specializzato in Urologia. Retrograde IntraRenal Surgery. Città della Salute e della Scienza entrambi sono chiamati pietre nella prostata Torino. La circoncisione è la rimozione totale o parziale, per via chirurgica, del prepuzio del pene, che è la pelle che copre la punta del pene.

Non richiede un'anestesia generale. La circoncisione è un trattamento efficace per correggere malattie come la imosi che impedisce la retrazione del prepuzio e quindi non permette di scoprire il glande e parafimosi generalmente prodotta a seguito di un'infiammazione del prepuzio.

La circoncisione è una pratica universalmente diffusa. Molti genitori preferiscono praticarla sui bambini appena nati, non per prescrizione medica, ma per motivi socioculturali. È un'operazione molto semplice, che dura solo pochi minuti e non richiede l'anestesia generale. La circoncisione è considerata un trattamento molto sicuro. Non è necessaria alcuna preparazione preliminare. Per i neonati il tempo di guarigione è di circa una settimana.

Nella maggior parte dei entrambi sono chiamati pietre nella prostata, il paziente viene dimesso lo stesso giorno dell'intervento.

La fimosi è una alterazione che si verifica nella pelle che circonda il pene, e in particolare è l'impossibilità di abbassare la pelle del prepuzio. Il sintomo principale della fimosi è la rigidità del prepuzio e la sua difficoltà nella retrazione. Un altro sintomo associato ma meno frequente è il dolore durante la minzione, cioè quando si urina. La fimosi congenita è quella in cui, a partire da una certa età, persiste l'impossibilità di ritirare il prepuzio.

Inoltre, quando si infiamma il prepuzio o il glande e poi si cicatrizza, il tessuto cicatrizzato si contrae e diventa leggermente duro: questo propizia la comparsa di fimosi. Non v'è alcun modo per prevenire fimosi congenita, ma in altri casi è possibile evitarla osservando una particolare l'igiene del pene, praticando una regolare recessione del glande e soprattutto non forzando dove vi è già fimosi, poiché potrebbe complicarsi e sfociare in una parafimosi. La fimosi è comune nei bambini di età inferiore ai 10 anni e quindi non è richiesto alcun trattamento in questi casi.

Se si presenta in bambini più grandi o negli adulti ma non causa particolari problemi, possono bastare delle misure non-chirurgiche. Il trattamento non chirurgico prevede l'estensione del prepuzio manualmente tramite appositi strumenti.

Le creme steroidee topiche sono un'altra alternativa all'operazione di chirurgia. Il principale intervento chirurgico della fimosi è invece la circoncisione, che consiste nella rimozione totale o parziale del prepuzio. Altri trattamenti chirurgici sono la frenuloplastica, quando il frenulo è troppo corto; la fenditura dorsale, entrambi sono chiamati pietre nella prostata viene effettuata un'incisione lungo la parte superiore del prepuzio, la fenditura ventrale, un'incisione lungo la parte inferiore del prepuzio; e la prepuzioplastica, che consiste in una piccola incisione lungo la banda di costrizione.

In ambito estetico, oltre al trattamento di rughe e cicatrici, sono utilizzate per il trattamento della cellulite. I sintomi della malattia possono variare in misura sostanziale rispetto al grado di gravità raggiunta entrambi sono chiamati pietre nella prostata malattia stessa.

Per ottenere una diagnosi corretta è necessario eseguire più indagini. Un primo passo consiste nello studio della storia clinica del paziente, per individuare possibili traumi.

Entrambi sono chiamati pietre nella prostata seguito lo specialista eseguirà un esame uroflussometrico per dare un valore numerico al flusso durante la minzione. Questi traumi hanno luogo in seguito a cadute, in incidenti stradali per esempio, o operazioni chirurgiche della vescica o prostata.

Le uniche soluzioni attualmente disponibili sono le terapie a base di antibiotici o in ultima istanza la chirurgia. Le tecniche di chirurgia utilizzate sono:. Entrambi sono chiamati pietre nella prostata cancro alla prostata è un tipo di cancro che ha origine nella ghiandola prostatica. La prostata fa parte del sistema riproduttivo maschile ed è un organo che circonda l'uretra, il condotto tramite il quale l'urina viene espulsa dal corpo.

Il cancro sviluppa quando crescono delle cellule anomale nella prostata, che è l'organo responsabile della produzione del liquido seminale. È uno dei entrambi sono chiamati pietre nella prostata più frequenti negli uomini e le probabilità di contrarlo aumentano con l'età.

È un tipo di cancro che spesso non presenta sintomi. Spesso il livello di PSA aumenta prima che si presenti qualche sintomo.

I sintomi che appaiono quando il cancro sta avanzando sono:. La causa esatta del cancro della prostata è sconosciuta. Le persone più a rischio sono:. Tuttavia, possono esser prese in considerazione alcune misure come uno stile di vita sano, che includa una dieta equilibrata e una pratica regolare di esercizio fisico.

Le opzioni di trattamento dipendono dalla fase del cancro e dello stato di salute del paziente. Se il cancro non si è diffuso al di fuori della ghiandola prostatica, i trattamenti più comuni sono:. Un altro trattamento è la terapia ormonale, che viene utilizzata quando il cancro si è esteso oltre la prostata. Se dopo questi trattamenti il cancro si riduce, viene eseguita una cura chemioterapica o immunoterapica. Si stima che ogni anno vengano diagnosticati circa In linea generale non esiste al momento un modo sicuro per prevenire il cancro della vescica, in quanto vi sono alcuni fattori predisponenti che non possono essere evitati.

Questi sono: età, sesso colpisce maggiormente gli uominietnia è più comune nella popolazione occidentalestoria familiare ed antecedenti. Tuttavia, ci sono altri fattori di rischio entrambi sono chiamati pietre nella prostata possono essere evitati, come il fumo o controllando le infezioni urinarie più comuni.

Come per altri tumori, il trattamento del cancro della vescica deve essere multidisciplinare, per combinare terapie e aumentare il tasso di curabilità. Inoltre, il medico deve valutare se il paziente soffre di altre malattie che rendono difficile eseguire qualche trattamento. In ogni caso le terapie più comuni per il cancro della vescica sono l'intervento chirurgico, la radioterapia, l'immunoterapia e la chemioterapia.

Copyright © All Rights Reserved. 2018
Proudly powered by WordPress | Theme: BetterHealth by CanyonThemes.